I viaggi di Gulliver (libro)

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 13:49:48 27-01-2011

Lilliput, ma non solo. Jonathan Swift, nel suo “I viaggi di Gulliver”, pubblicato per prima volta nel 1726, ha creato l’immagine del minuscolo e combattivo popolo che fa ormai parte della fantasia collettiva in tutto il mondo. “Lillipuziano” è un termine entrato nel linguaggio comune per indicare qualcosa di estremamente piccolo. Ma, dicevo, nel romanzo si trova molto di più, sia nella trama che nella sua interpretazione.

La storia è stranota, almeno nel suo incipit: il medico Lemuel Gulliver racconta in prima persona le sue straordinarie avventure, che iniziano col naufragio della nave su cui era imbarcato. Al suo risveglio si ritrova prigioniero dei piccolissimi -15 cm di altezza- lillipuziani, comunità in guerra con i vicini abitanti di Blefuscu per il modo più giusto di rompere le uova, ma anche divisi nelle fazioni dei “tacchi alti” e “tacchi bassi”. Coinvolto nella lotta con i nemici e negli intrighi di corte Gulliver viene condannato a morte ma riesce a fuggire. Nella seconda parte Gulliver si ritrova a Brobdingnag, dove invece è lui ad essere minuscolo in mezzo a uomini giganteschi: diventa trastullo di corte e conversa con il saggio re del posto. Terza parte: Gulliver è a Laputa e a Balnibarbi, terre abitate da scienziati eccezionali ma non dotati di senso pratico, e a Luggnagg, dove conosce gli Struldbrugg, uomini immortali ma per questo depressi e infelici. Nella quarta parte Gulliver incontra gli Houyhnhnms, i cavalli razionali e saggi che non conoscono la guerra e la violenza, a cui si contrappongono gli Yahoos, i brutali esseri simili agli umani. Tornato a casa Gulliver avrà difficoltà a riabituarsi all’odore della famiglia, e rimpiangerà gli Houyhnhnms.

“I viaggi di Gulliver” è diventato negli anni un classico libro di avventure per ragazzi, specie attraverso edizioni ridotte dove si mette in luce la parte fantastica della storia. In realtà il romanzo è una spietata satira sociale dell’epoca di Swift, ed è continuamente attraversato da un tanto feroce quanto amaro sarcasmo sul genere umano. Swift è un precursore dell’Illuminismo nella sua critica alla civiltà del suo tempo, ma riesce ad andare già a cogliere gli aspetti negativi di questo tipo di pensiero, quando attacca la troppa fiducia nelle scienze nell’allegoria del terzo viaggio a Laputa e Balnibarbi.
Tutto può essere visto come simbolo, a partire dal nome del protagonista che richiama la parola “gull”, credulone. Il tema del viaggio avventuroso, così in voga all’epoca, è usato per irridere le politiche belliche, i partiti politici, il sistema giudiziario. Cos’altro è la guerra dei lillipuziani se non una metafora delle divisioni tra cattolici e anglicani, che cercavano, sembra dirci Swift, il pelo… nell’uovo? I “tacchi alti” e “tacchi bassi” non sono una chiara allusione ai Tory e ai Whig? Guardare queste beghe dall’alto, come fa Gulliver, le riduce alla loro vera essenza.
Ma la satira sociale diventa, nel prosieguo del libro, completa sfiducia nel genere umano, minuscola razza litigiosa vista dalla prospettiva dei giganti di Brobdingnag, o addirittura simbolo di negatività se confrontata alla civiltà ideale degli Houyhnhnms: per Swift meglio gli animali che il cattivo odore della crudeltà dell’Uomo.

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon
I viaggi di Gulliver (libro)
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

» «

 

Giudizio positivo Vantaggi: storia molto nota tra i lettori , “I viaggi di Gulliver” è diventato negli anni un classico libro di avventure per ragazzi

Giudizio negativo Svantaggi: a non tutti i lettori piace questo genere

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: i viaggi di gulliver libri romanzi

Categoria: Libri e Giornali

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su I viaggi di Gulliver (libro)? Chiedi alla nostra Community.

 

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

Nome * Obbligatorio

Email (non verrà pubblicata) * Obbligatoria

Sito Web

 

Giudizio Generale:

 

Giudizio positivo Vantaggio 1

Giudizio positivo Vantaggio 2

Giudizio negativo Svantaggio

Titolo Opinione

Testo Opinione

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento