Allarme estinzione (animali)

basato su 0 Opinioni

Giudizio Generale: 0.0

 

Opinione scritta da: Redazione 12:58:20 16-12-2010

Sembra una contraddizione a dirsi ma il mondo pullula di animali in via d’ estinzione.
Se analizziamo una zona precisa del globo come la foresta pluviale, notiamo che molti animali di quella zona, nonostante i lavori di recupero, si stanno estinguendo.
Sono molti gli esemplari a rischio, a seguire alcuni esempi di animali in pericolo:
_Atele fusciceps, comunemente detto ”Atele dalle mani brune” o ”Atele testa nera”. Questo esemplare vive appunto nella foresta pluviale in particolare in Ecuador, Colombia e Panamà. Il suo peso è in media di 9 kg e raggiunge il metro e mezzo di lunghezza. La specie dichiarata a sè stante è ormai in una fase critica di estinzione infatti le sue apparizioni sono ormai rare.
_Aloutta pigra, comunemente detta ”Aluatta del Guatemala”. Vive in Messico nella foresta pluviale, è abituata a vivere in gruppi ed una differenza molto evidente tra maschio e femmina è che il maschio pesa in media cinque chili in più della donna. L’ alimentazione si basa su foglie e frutti quindi si parla di un animale erbivoro; il pelo è tutto nero a differenza delle labBra che hanno un colore differente e questa sua peculiarità permette di distinguerla da altre specie simili. Questi animali riescono a vivere in media circa 20 anni ma il rischio di estinzione è alto e nel caso non si sappia tutelare questa specie si corre il rischio di estinzione.
_Ateles hybridus, comunemente detto ”Atele bruno” o Atele variegato”. La sua lunghezza raggiunge il metro e mezzo ed una caratteristica principale è la lunga coda pensile. Vive in gruppi molto grandi nella foresta pluviale tra Colombia e Venezuela. Il suo peso raggiunge un valore di circa 10 kg. Si presenta come un animale molto grazioso con un triangolo bianco sulla fronte; il gruppo è guidato abitualmente da un esemplare femmina.
_Ateles marginatus, comunemente detto ”Atele dalle basette bianche”.
Quest animale vive alle foci del Rio delle Amazzoni. La sua particolarità è il suo aspetto fisico poichè presenta la fronte di colore bianco ma soprattutto due strisce che sembrano assomigliare a delle basette. Da ciò deriva il nome ”Atele dalle basette bianche” . Inoltre sul viso l’ animale sembra presentare una sorta di maschera giapponese che gli dona un’ aspetto molto buffo. Fondametale per quest animale è la coda che utilizza in qualsiasi azione come penzolare dagli alberi oppure procacciarsi da mangiare per sopravvivere.
_Macaca pagensis, comunemente detto ”Macaco delle Mentawai”.
L’ esemplare è sottoposto ad un forte rischio d’ estinzione. I colori principali sono il marrone scuro ed il castano. L’ animale predilige la foresta pluviale e le mangrovie infatti vive a Sumatra.
Questi sono solo pochi esempi di animali in via d’ estinzione che corrono forti rischi. Sarebbe un vero peccato non poter più godere della bellezza di questi animali che vanno contro un destino a loro avverso. Per quesato motivo bisogna prendere seri provvedimenti per tutelare i pochi esemplari altrimenti : ALLARME ESTINZONE!

Piaciuto l'articolo? Fallo conoscere a tutti:

  • Facebook
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Print
  • Twitter
  • Yahoo! Buzz
  • Digg
  • StumbleUpon
Allarme estinzione (animali)
Leggi Opinioni   Scrivi Opinione

 

» «

 

Giudizio positivo Vantaggi: bisogna prendere provvedimenti , non sono molto conosciute alcune specie

Giudizio negativo Svantaggi: il macaca pagensis è sottoposto ad un elevato rischio di estinsione

Giudizio Generale: 0.0

 

Tag: animali Atele dalle mani brune scimmie in estinzione

Categoria: animali

 

Leggi le Opinioni Scrivi Opinione Leggi Opinioni

Hai delle domande su Allarme estinzione (animali)? Chiedi alla nostra Community.

 

 

La Tua Opinione Conta! Lascia un commento.

Nome * Obbligatorio

Email (non verrà pubblicata) * Obbligatoria

Sito Web

 

Giudizio Generale:

 

Giudizio positivo Vantaggio 1

Giudizio positivo Vantaggio 2

Giudizio negativo Svantaggio

Titolo Opinione

Testo Opinione

 Opinioni degli Utenti

Nessun Commento